Duettando, l’arte e la creatività tra tradizione e innovazione – terremarsicane.it
15685
post-template-default,single,single-post,postid-15685,single-format-standard,bridge-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Duettando, l’arte e la creatività tra tradizione e innovazione – terremarsicane.it

Duettando, l’arte e la creatività tra tradizione e innovazione – terremarsicane.it

Avezzano – Sta riscuotendo grandi apprezzamenti la mostra, allestita nell’ambito della Settimana Marsicana, delle artiste aquilane  Stefania Ferella e Luisa Capannolo, che insegnano al Liceo artistico di Avezzano.

La mostra propone una serie di originali e suggestive  opere che mixano armoniosamente materiali e stili. Particolare significatività assumono le forme delle opere proposte: linee, onde, si snodano su pannelli e disegnano originali quadri e sculture che tracciano delicati lineamenti femminili. Il metallo, un materiale resistente associato per convenzione alla mascolinità, diventa attraverso la sapiente mano delle artiste un materiale leggero che “racconta” mirabilmente l’universo femminile.

Le due artiste, amiche e colleghe che da sempre  condividono l’amore e la passione per la lavorazione dei metalli, hanno dato vita quattro anni fa al sodalizio  “Duettando”.
Nel loro laboratorio artistico creano opere che miscelano tradizione e innovazione. Lavorano
insieme sin dalla fase progettuale dell’opera unendo idee e gusti artistici.

La firma DUETTANDO vuole essere la sintesi del loro modo di intendere l’arte, un duetto che si propone di trasferire allo spettatore le sensazioni che le artiste provano quando lavorano insieme: sintonia, giocosità ,  empatia e piacere. Lavorano i metalli con le tecniche tradizionali come  la cesellatura, lo sbalzo, lo smalto a fuoco, il ferro modellato a caldo  e la saldatura per fusione. I legni di base vengono lavorati lavoriamo con texture  diverse  e trattati con colori all’anilina che consentono di  mantenere alcune trasparenze senza perdere la vivacità. Anche  sulle
sculture lavorano  solo i contorni dell’immagine ottenendo  trasparenze  che,oltre a renderle leggere, creano giochi di proiezioni come nelle  ombre cinesi.

 

Fonte: www.terremarsicane.it